Europa, Svizzera, Viaggi, Weekend

Quattro giorni al lago di Ginevra (Lemano)

In occasione di un lungo ponte decidiamo di visitare la Svizzera e, partendo dalla Lombardia, scegliamo di percorrere il tunnel del gran San Bernardo. Attraversiamo la Valle D’Aosta e, dopo aver pagato 67€ per andata e ritorno, siamo nel tunnel.

La strada è molto comoda e larga ed in pochi chilometri siamo in Svizzera. Avevamo già acquistato la vignetta dell’autostrada in un nostro precedente viaggio al costo di 40€ quindi stavolta procediamo senza sosta.

La nostra prima tappa è Villeneuve, all’estremità orientale del lago e punto di partenza per vedere il castello di Chillon e la città di Montreux. In questa zona curano moltissimo il lungo lago che infatti è ricco di fiori in ogni angolo, soprattutto dal castello a Montreux percorrendo i quattro chilometri del “chemin fleuri”: il cammino fiorito, molto suggestivo.

Abbiamo sostato due notti nel campeggio Les Grangettes vicino all’omonima riserva naturale ideale per camminare, correre e pedalare nella natura. I gestori parlano anche italiano, ci hanno fatto sentire a casa e ci hanno coccolato con due piazzole vista lago.

La seconda tappa è Losanna in posizione centrale rispetto al lago, ha la città vecchia sulla collina che domina il lago e la zona portuale molto affollata di turisti per i servizi che offre. Per salire nella vieille ville risulta essere molto comoda la metropolitana che, assieme al bus, è compresa nel prezzo della sosta nel campeggio Vidy, direttamente sul lago, un po’ datato ma molto pulito e con gestori organizzati per ogni evenienza. Sostiamo un solo giorno perchè per visitare la città è sufficiente.

La terza e ultima tappa è la lussuosa Ginevra, con i suoi negozi di grandi firme, i palazzi antichi affacciati sul fiume Rodano, il getto d’acqua con la massima altezza di 140 metri attivo dal 1951 e la chiesa di Saint-Pierre in stile gotico e neo-rinascimentale.

Abbiamo scelto di sostare poco fuori dalla città, nel campeggio tcs Genève anch’esso direttamente sul lago con piazzole xxl ed ogni comfort. Anche qui nel prezzo della sosta è compreso il trasporto pubblico: trovo che sia un ottimo modo per evitare corse senza biglietto almeno da parte dei turisti. Anche Ginevra si può visitare in un giorno, la parte migliore è lungo il fiume e sul lungo lago.

Nell’insieme ci è piaciuto molto il lago con le Alpi Savoiarde a fare da cornice, i tantissimi fiori molto curati, le ciclabili panoramiche ed i vigneti del Lavaux sullo sfondo.

La Svizzera ha prezzi un po’ più alti dell’Italia, la vita è più cara, ma è rapportata al loro guadagno. Il nostro traffico internet non funziona e ci si deve appoggiare alle varie Wi-Fi che si possono trovare in città o nei campeggi. Siamo partiti senza cambiare gli euro in franchi e non abbiamo avuto problemi: li accettano ovunque. Dopo quattro giorni siamo rientrati certi di tornare presto in un’altro cantone svizzero.

Per saperne di più su ogni città e la relativa sosta, vi invito a leggere i singoli articoli presenti sul sito alla voce Svizzera.

Annunci

3 pensieri riguardo “Quattro giorni al lago di Ginevra (Lemano)”

  1. Grande coscritta!!!! Ho scoperto da te, stasera, l’esistenza di quanto hai creato!!!! Troppo bello ed utilissimo!! Tu viaggia, posta e fai viaggiare ed istruisci chi ti segue!!!!
    Forever!!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...