Da Trieste verso il Carso Sloveno lungo la ciclopedonale Giordano Cottur

Pedalare dall’Italia alla Slovenia attraversando la Val Rosandra e sostando in camper

Le rocce carsiche della Val Rosandra

L’abbinata camper e bicicletta ha sempre molto successo nella nostra famiglia e ci permette di vedere luoghi altrimenti difficili da raggiungere. Siamo nell’epoca delle e-bike, ormai quasi tutti hanno ceduto alla pedalata assistita, noi invece continuano imperterriti a fare affidamento solo sulle nostre gambe e ne siamo orgogliosi. I traguardi raggiunti ci appartengono completamente.

Questa volta siamo in vacanza in Friuli Venezia Giulia e dopo aver visitato Trieste è il momento di dedicarci ad un percorso nella natura. Vi racconterò quindi della pedalata lungo la ciclopedonale Giordano Cottur da Trieste a Kozina, attraversando la Val Rosandra e arrivando fino in Slovenia.

Panorama che spazia fino al mare

Chi era Giordano Cottur?

La pista ciclopedonale è stata inaugurata nel 2010 ed intitolata a Giordano Cottur  (Trieste, 1914 – 2006) figura storica del ciclismo, tre volte terzo al Giro d’Italia dietro a Coppi e Bartali e vincitore a Trieste di una tappa nel 1947. Dal 1956 a Trieste è attiva una Società Ciclistica che porta il suo nome (S.C. Cottur A.S.D.), da lui fondata in quell’anno assieme ad un gruppo di appassionati ciclisti triestini e da lui retta fino al 2006, anno della morte.

Pista ciclopedonale G. Cottur: il percorso

Inaugurata nell’Ottobre del 2010, si sviluppa in parte sul tracciato della vecchia linea ferroviaria Pola-Divaccia che fino al 1959 collegava Trieste con Erpelle. Si parte dal centro della città dal rione San Giacomo, l’ingresso prevede due piccoli tornanti per poi procedere in lenta ma costante salita.

Partenza

Il primo tratto che porta fino ad Altura, all’estrema periferia di Trieste è asfaltato, costeggia varie abitazioni e ha alcuni attraversamenti per permettere l’ingresso in vari punti; il secondo tratto che va da Altura fino all’arrivo è invece sterrato e nella parte finale anche un po’ sconnesso con la presenza di piccole rocce. L’ideale sarebbe avere una mountain bike, ma con calma si riesce anche con le city bike.

Mentre si pedala si ha la possibilità di osservare paesaggi diversi che spaziano dai vigneti alle colline per poi arrivare alle montagne del Carso in Val Rosandra dove potrete ammirare il Cippo Comici e la chiesetta di Santa Maria in Siaris tra i lastroni calcarei. Leggenda vuole che venne fatta costruire da Carlo Magno per esservi sepolto. È raggiungibile solo a piedi tramite un sentiero ed è lontana da ogni centro abitato.

Santa Maria in Siaris

Si incontrano fiori selvatici di ogni colore, farfalle di varie specie, accompagnati dal canto delle cicale e dal fruscio del vento. Lungo il tragitto abbiamo incontrato mucche al pascolo e verso l’arrivo un’arnia con moltissime api.

Il percorso si snoda tra viadotti storici, gallerie scavate nella roccia tra cui la galleria della Chiusa illuminata dal basso dove le luci si accendono al passaggio (molto suggestivo); si incontrano le vecchie stazioni della ex ferrovia come quella di Sant’antonio-Moccò che veniva utilizzata per caricare il vino.

Attualmente la ciclabile termina poco dopo il confine di stato in località Mihele, la Slovenia sta lavorando per portare a termine il tracciato fino a Kozina.

Ciclopedonale G. Cottur: informazioni tecniche

Lunghezza 12 Km (solo andata)

Larghezza minima 3 mt,  massima 5 mt 

Quota di partenza 45,50 m slm 

Quota di arrivo 362,80 m slm 

Pendenza media 2,6%

Lungo il tragitto NON SONO PRESENTI FONTANELLE PER L’ACQUA, l’unica è in località Draga Sant’Elia, quasi all’arrivo, ( 👉🏻 N 45.620702 E 13.889652), quindi portate con voi tutta l’acqua necessaria, soprattutto se fa molto caldo. Il percorso alterna tratti al sole e pezzi all’ombra, mentre nelle gallerie c’è una temperatura piacevolmente fresca.

Il tratto asfaltato è adatto anche ai bambini, mentre la seconda parte di quello sterrato presenta piccole rocce sconnesse che si muovono al passaggio, secondo me non è adatto ai più piccoli se pedalano da soli con la propria biciclettina.

Dove noleggiare una bicicletta a Trieste

Ones Moving via Trento 1/A Trieste. Ecco il sito 👉🏻 Ones Moving

Dove mangiare lungo la ciclopedonale G.Cottur

Se avete scelto il pranzo al sacco troverete a vostra disposizione tavoli e panche in legno in vari punti del percorso

Tavoli pic-nic lungo il percorso

se invece preferite, come abbiamo fatto noi, un pranzo più comodo assaggiando i sapori locali, potete avvalervi della Locanda Mario: questo il sito 👉🏻 Locanda Mario un ristorante che offre primi piatti con carne, tartufo oppure i più semplici al pomodoro o ragù per bambini; si trova in Località Draga Sant’Elia: un piccolo paesino che conta un centinaio di abitanti in cui le case non hanno i numeri civici consueti, ma hanno un numero a seconda di quando sono state costruite. Siamo stati accolti come a casa e abbiamo mangiato molto bene.

Dove sostare in camper per la ciclopedonale G.Cottur

📍 AREA CAMPER VON BRUCK Passaggio Sant’Andrea, Trieste. N 45.636902 E 13.7693 attrezzata con camper service (gratuito ed esterno all’area) È la più vicina alla partenza della ciclabile ma anche la più brutta. Comodissimo il camper service.

📍 AREA CAMPER PRIVATA MAMACA PARK Via del Pane Bianco 16, Trieste. N 45.625198 E 13.7873 dotata di camper service, elettricità, bagni e docce, animali ammessi. Ingesso stretto e difficoltoso per mezzi grandi. Questo è il sito ufficiale 👉🏻 https://www.mamaca.org/#

📍 PARCHEGGIO Via di Valmaura, Trieste. N 45.621084 E 13.788328 gratuito, senza servizi, abbastanza silenzioso e tranquillo per la notte. Vicino alla Risiera di San Sabba.

📍 PARCHEGGIO BOVEDO Via Miramare, Trieste. N 45.67651 E 13.754432 Senza servizi e al sole. A pagamento tramite app. Fermata bus proprio di fronte. Pista ciclopedonale per il centro e per il castello Miramare attraversando la strada. Molto rumorosa per la strada trafficata e la ferrovia che passa dietro.

parcheggio Bovedo

Alla prossima avventura

Veronica 🦋

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...